Agenti immobiliari e pole position di Google

150146031-2209148_650x0La mia è una pro­fes­sione dove quel che con­tano sono le “relazioni sociali”.

Le relazioni sociali col più ampio numero di per­sone sono favorite dall’empatia.

Per favorire l’empatia occorre avere una visione ampia della vita e conoscere argo­menti di con­ver­sazione anche banali. Infatti capita spesso  di con­quistare cli­enti, più che per la per­fetta  conoscenza tec­nica del pro­prio lavoro per ele­menti a dir poco irril­e­vanti… dire al cliente che il suo cane è bel­lis­simo, o peg­gio, com­piac­ersi per la vit­to­ria della sua squadra del cuore, anche se guardare una par­tita di cal­cio è l’ultima cosa che faresti nella vita!

Io non so men­tire e per quanto mi sforzi, per l’amore per il mio lavoro, non riesco ad inter­es­sarmi di cal­cio, la juve non mi piace (e così perderò altri poten­ziali cli­enti) ma provo una grande sim­pa­tia per i “granata”, ma a pelle… infatti, conosco solo i nomi dei gio­ca­tori morti nell’incidente aereo di Superga,  e nem­meno tutti!

Certo godere della stima degli altri è fon­da­men­tale per il mio lavoro, ma è pos­si­bile piacere a tutti? E se anche così fosse? A che servirebbe?

L’affanno più grande dei miei col­leghi ulti­ma­mente è ottenere la pole posi­tion di google, tutti si affan­nano per questo.

I più danarosi, a tale scopo, danno fondo alla loro carta di cred­ito acqui­s­tando com­pul­si­va­mente adwords… altri, la mag­gior parte, così come una volta s’improvvisavano CT della nazionale pon­tif­i­cando su improb­a­bili for­mazioni calcis­tiche, s’improvvisano  nov­elli SEO, pen­sando che basti avere un tablet per guadagnare un posto nella soci­età, salvo poi man­darti mes­saggi pri­vati nei quali frig­nano o minac­ciano di non farti più amico su fb per­chè nell’ultima mezz’ora non gli hai messo “mi piace” a tutti i link che hanno pub­bli­cato o sei reo di non aver tem­pes­ti­va­mente retwit­tato i loro spesso insulsi cinguettii!

A questo punto mi sorge un dub­bio: Tutti pos­si­amo piacere a tutti? E se si a che serve?

Di certo ai ven­di­tori di fumo, questi devono aver indi­vid­u­ato tale “debolezza“della nos­tra cat­e­go­ria, difatti la mia casella di posta ulti­ma­mente oltre a mail che mi pro­pon­gono di perdere peso “senza sac­ri­fici”, mi arrivano offerte di guadagnare posizioni su google se mi riv­olgo al guru tal dei tali “azzeccapolposition”.

Adesso spengo il pc, e vado a vedere una casa…a piedi così alla fac­ciazza del signor GOOGLE, guadagno il mio POSTO AL SOLE e passo anche a pren­dere un caffè al bar che è più “SOCIAL”  di face book e oggi non clicco nes­sun like così non si offende nessuno!

Share and Enjoy:
  • Print this article!
  • Ghenghe
  • Sphinn
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Google Bookmarks

2 Commenti a “Agenti immobiliari e pole position di Google”

  • cristina scrive:

    Bel­lis­simo post.…
    Brava.
    Ma poi in effetti per­chè piacere a TUTTI quando tra i TUTTI ci sono per­son­aggi che seguono la DeFil­ippi, i Tal­ent, XFac­tor e soprat­tutto EMILIO FEDE????
    Ma per favore, iniziamo con esclud­ere queste per­sone.…
    Poi, io che sono molto molto selet­tiva e che amici ne ho pochissimi(ed a fine post forse capirete per­chè), esclu­di­amo chi non azzecca i con­giun­tivi (classe conoscenti, non di certo amici), chi non accetta idee dis­cor­danti, chi non dis­cute ma pre­var­ica, chi fa delle pro­prie diver­sità una bandiera da osteggiare, chi non ha edu­cazione e rispetto.… Insomma a fine lista, per­chè piacere a queste per­sone???? meglio piacere a pochi, anzi pochissimi.… ma buoni. CIAOOOO

  • m.ardito scrive:

    Brava Ketty, con­di­vido quello che scrivi, e sic­come per lavoro creo (anche) siti conosco la sma­nia dei “com­mit­tenti” di essere sem­pre primi. Ma la miglior pub­blic­ità, spe­cial­mente nel lungo ter­mine, come nella vita anche su “google”, te la da la — vera — buona rep­utazione: se il tuo sito con­tiene argo­menti validi e ben scritti, spic­cherà e sarai spesso prima. Non serve pagare, occorre essere veri, com­pe­tenti e traspar­enti (qb). Con­tinua così. Marco.

Lascia un Commento